Consegne al volo

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

Amazon presenta l’aggiornamento al proprio progetto Prime Air, un nuovo canale per effettuare le consegne al volo. La presentazione del servizio ormai risale a circa due anni fa. Ora, raggiunta una certa sperimentazione, sembra che il progetto possa proseguire per la sua strada. Amazon dedica un video per la presentazione facendo presentare il tutto dall’ex Top Gear Jeremy Clarkson.

Dal video si vede chiaramente che siamo davanti ad una vera rivoluzione del drone. Non più un quadricottero  ma un velivolo dotato di elica per la spinta orizzontale, sicuramente più efficiente per tali spostamenti.

Il drone ha un’autonomia di circa 24 km con una velocità massima di 88 km/h! Amazon inoltre si sta concentrando su tipologie differenti di droni in funzione delle tipologie di consegna.

Rispetto al primo prototipo siamo ora di fronte a un nuovo algoritmo in grado di aggirare ostacoli e imprevisti. Per raggiungere l’area dell’obiettivo si affida ad un valido GPS e per finalizzare la consegna il cliente Amazon utilizzerà un pannello da depositare per terra, nel giardino per esempio. Amazon Prime Air in questo modo riuscirà dall’alto a localizzare il proprio “spot” e a consegnare la merce con assoluta precisione.

Amazon è impegnata a trovare e a risolvere gli ostacoli per questo progetto, non ancora risolti al 100%. E’ sicuro che i  primi a vedere questi droni saranno i clienti delle zone rurali e non quelli delle zone metropolitane/cittadine per il semplice fatto che in questi ultimi ambienti gli ostacoli sono tanti, come del resto i rischi.

Inoltre Amazon sta cercando di seguire attentamente la normativa regolatoria, ormai imminente, della Federal Aviation Administration in materia di droni commerciali.

Guardiamo intanto il video di presentazione della stessa Amazon.

Contenuto non disponibile.
Abilita i cookie accettando il loro utilizzo.