RFID -Radio-Frequency IDentification

RFID -Radio-Frequency IDentification

… in due parole

L’RFID (Radio-Frequency IDentification), ovvero identificazione a radiofrequenza è una tecnologia che permette la memorizzazione di dati e la comunicazione degli stessi in radiofrequenza tra due oggetti:

  • Il tag o transponder, che può essere anche una schedina tipo carta di credito
  • Il reader, un lettore che legge e scrive informazioni ricevute dal tag.rfid

… origine del termine

La sua origine viene fatta risalire a quella del radar, inventato nel 1935 da un ingegnere Scozzese, Sir Robert Alexander Watson-Watt, discendente del James Watt del motore a vapore.

Durante la Seconda guerra mondiale il radar veniva utilizzato da Giapponesi, Tedeschi, Inglesi e Americani per identificare aerei in avvicinamento quando erano ancora a molte miglia di distanza. La difficoltà era nel sapere di chi fossero gli aerei in questione perché tutti trasmettevano con lo stesso segnale. Sembra che i Tedeschi scoprirono che, facendo rollare gli aerei, il segnale ricevuto fosse leggermente diverso. In questo modo riuscivano a distinguere i loro aerei da quelli dei nemici.

… esempi

Possono venir utilizzati per la rilevazione delle presenze nelle aziende, come dispositivi antitaccheggio, per identificare animali…

rfid

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

L’ RFID (Radio-Frequency IDentification), ovvero identificazione a radiofrequenza è una tecnologia che permette la memorizzazione di dati e la comunicazione degli stessi in radiofrequenza da parte di due oggetti:

  • Il tag o transponder, che può essere anche una schedina tipo carta di credito
  • Il reader, un lettore che legge e scrive informazioni ricevute dal tag.

La sua origine viene fatta risalire a quella del radar, che avvenne nel 1935 da parte di un ingegnere Scozzese, Sir Robert Alexander Watson-Watt, discendente del James Watt del motore a vaporte.   Durante la seconda guerra mondiale il radar veniva utilizzato da Giapponesi, Tedeschi, Inglesi e Americani per identificare aerei in avvicinamento quando erano ancora a molte miglia di distanza. La difficoltà era nel sapere di chi fossero gli aerei in questione perché tutti trasmettevano con lo stesso segnale. Sembra che i Tedeschi scoprirono che facendo rollare gli aerei il segnale ricevuto fosse leggermente diverso, in questo modo riuscivano a distinguere i loro aerei dai nemici.

Possono venir utilizzati per la rilevazione delle presenze, come dispositivi antitaccheggio, per identificare animali…