Fotosferiche – di cosa si tratta

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

Fotosferiche e tour virtuali

Uno dei più importanti fattori che influenza gli acquisti, anche on line, è l’uso di fotografie ad alta risoluzione che mstrino accuratamente un luogo o un servizio.

Le fotosferiche sono immagini tridimensionali di un luogo, dove l’osservatore, come se ne fosse al centro, può muoversi e vedere tutto intorno, in alto ed in basso (visuale a 360°) . Ruotando la fotografia sullo schermo si possono osservare tutti i lati ed i particolari del luogo o dell’oggetto rappresentato. Ci si muove cliccando a sinistra, tenendo il pulsante down schiacciato, a muovendo il mouse. La visuale verrà modificata come se si stesse muovendo la testa. Su un dispositivo mobile ci si muove con le dita. Per muoversi si possono anche utilizzare i pulsanti posti in basso. Bottoni, collegamenti (link), e grafica portano ad altre immagini ed informazioni.

Mediante il collegamento di più fotosferiche è possibile realizzare dei tour virtuali (virtual tour) che sono dei veri e propri percorsi che l’utente  può intraprendere più volte.

Le fotosferiche possono essere visualizzate sui più comuni browser dei pc e dei dispositivi portatili.

Le fotosferiche costituiscono un importante strumento per aumentare la visibilità di quelle attività che hanno la necessità di mostrare ai possibili utenti il luogo dove dovranno recarsi. Esse spesso costituiscono un importante strumento decisionale.

Inoltre, potendo essere integrate in Google Maps, ne aumentano enormemente la visibilità. Google ha investito molto per preparare internet alle foto 360°. Google street View è la stessa tecnologia dei virtual tour, cioè l’unione delle fotosferiche mediante una mappa.

Per approfondimenti leggi la pagina del nostro sito internet.

Nel nostro articolo del blog illustriamo i 10 settori in cui si possono utilizzare le fotosferiche come strumento di web marketing.