Polaroid ZIP – La foto ritrovata

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

Chi non si ricorda della celebre Polaroid istantanea con pellicole autosviluppanti?

Un brevetto nato negli anni trenta e migliorato con gli anni. In Italia aveva trovato grande riscontro negli anni settanta/ottanta per poi tramontare definitivamente nel 2008 per scelta della stessa Polaroid Corporation.

Ma nello stesso anno produce una nuova macchina che sfrutta una nuova tecnologia Polaroid: ZINK (Zero-Ink). Per noi consumatori significa poter sempre stampare le nostre foto in autonomia e senza inchiostro o processi di sviluppo.

L’idea nuova si chiama Polaroid ZIP, una piccola unità che ci permette di stampare immediatamente e sempre inchiostro le nostre foto effettuate con lo smartphone. Il formato è un po’ piccolo 5,08 x 7,62 cm , la qualità buona e, interessante, il supporto è adesivo.

L’unità Polaroid ZIP si connette al nostro smartphone via bluetooth o NFC attraverso un’app gratuita sia per Android che per IOS.

Possiamo quindi stampare liberamente anche perché è dotata di una batteria ricaricabile che, con una carica di poco più di un’ora, ci permette di stampare 20 foto. L’attacco per la ricarica è USB quindi possiamo utilizzare il PC o l’alimentatore del nostro smartphone.

La durata di stampa è poco più di trenta secondi per foto.

Le stampe sono anche impermeabili. Nella confezione sono inclusi 10 fogli di carta fotografica ZINK.

Ma quanto costa stampare?

La stampante acquistabile anche in Amazon costa circa 140 € e la carta fotografica, ancora un po’ cara, è sui 25 € per 30 fogli. Ma cercando in rete si trovano anche a meno, intorno ai 50 centesimi per foglio.

E’ anche fashion: disponibile in rosso, blu, bianco o nero.

Noi l’abbiamo provata ed in effetti l’oggetto  è decisamente smart. Un’idea certamente utile come regalo tecnologico per il prossimo Natale.

Contenuto non disponibile.
Abilita i cookie accettando il loro utilizzo.