Fitness tracker

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

I fitness tracker nascono dai primordiali contapassi. Quelli in voga qualche anno fa per misurare una piccola parte della nostra attività fisica. I passi, appunto.

Oggi sono invece dei gadget evoluti. Vediamo di raggrupparli per caratteristiche in modo da focalizzare quale potrebbe adattarsi meglio alle nostre esigenze ed attività.

Indossabili

Sono in sostanza i braccialetti, simili a piccoli orologi, con forme sempre più sottili. Per i più fashion esistono veri e propri fitness tracker camuffati da braccialetti simil-bigiotteria.

Le funzionalità di base sono il calcolo dei passi e delle calorie bruciate ogni giorno. Non deve poi mancare l’eventuale app attraverso la quale “gestire” i propri dati. Questi oggetti non sono adatti a chi compie attività sportiva come corsa, Zumba, nuoto o bicicletta. Questi si limitano ad analizzare il movimento e non la specifica attività sportiva. Servono più a chi ogni giorno mira ad effettuare almeno i canonici trenta minuti di camminata veloce e vuole tenere sotto controllo i propri sforzi.

I costi in questo caso poi sono più che accessibili. Con meno di 100 euro possiamo entrare in possesso di un ottimo fitness tracker. Le marche più gettonate in questo momento sono Polar, Garmin. Sony, Runtastic, Nike, Jawbone, …

Cardiofrequenzimetri

Sono il passaggio naturale per chi vuole monitorare il proprio cuore durante la propria attività fisica. La premessa è che non siamo davanti ad apparati medicali. Vanno presi per quello che sono: dei gadget.

La precisione della misurazione della frequenza cardiaca dipende dalla tecnologia utilizzata. Abbiamo sia gli indossabili al polso sia quelli che si accoppiano con una fascia da indossare direttamente sul torace.

I primi, ovviamente, tracciano il cuore per tutte le 24 ore della giornata. Permettono quindi un monitoraggio completo, indipendentemente dall’attività svolta. I secondi, quelli con la fascia toracica, sono più dedicati ai runners o comunque a chi prevede di effettuare attività fisica dedicata.

le marche qui si restringono: Fitbit, Polar, Garmin, Jawbone,…

I prezzi non si posizionano quasi mai oltre le 150 euro.

Con display

Sono sempre fitness tracker con l’aggiunta di un display seppur, in alcuni casi, minimale. Un aiuto psicologico in più per tenere sempre sotto controllo le nostre calorie e la nostra forma senza agganciare il braccialetto al nostro smartphone.

Per i più esigenti

Qui metteremmo le caratteristiche accessorie da valutare durante la scelta di un fitness tracker. Sono opzionali ma, in alcuni casi, fanno la differenza.

  • Durata delle batterie. Quando si sceglie un fitness tracker è da valutare anche la durata delle batterie e la durata della ricarica. Quest’ultima ovviamente ci obbliga a separarci dal nostro braccialetto per un tempo più o meno lungo a seconda del tipo di batteria e caricatore. Ci sono quindi sia braccialetti caricabili via USB, ogni quattro/cinque giorni che braccialetti funzionanti con una batteria, tipo orologi, dalla durata di circa sei mesi.
  • GPS tracking. Perchè non registrare la nostra posizione mentre corriamo? Qui la scelta si orienta verso quei produttori di sistemi GPS, tipo Garmin per intenderci, che hanno spostato la loro esperienza su questo tipo di gadget elettronici. La tracciatura è completa e scaricabile direttamente sul proprio profilo, smartphone o pc.
  • Impermeabile. Per chi nuota diventa opzione necessaria. Questi fitness tracker hanno inclusa anche la funzione lunghezza piscina o registrazione bracciate.

Consiglio

Prima di acquistare un fitness tracker collegabile via Bluetooth al nostro smartphone verifichiamo che il nostro telefono sia compatibile. Di norma non basta avere solo il Bluetooth ma spesso è necessario verificare che il fitness tracker utilizzi la stessa versione di Bluetooth del nostro smartphone.

La nostra classifica

Più che una classifica è una traccia su come orientarsi. Non è una proposta commerciale ma un aiuto per iniziare a scegliere il fitness tracker più indicato.

Jawbone UP3 – Un modello molto basic come appare ma estremamente sofisticato nelle sue funzionalità:
  • App Up gratuita
  • Smart Coach
  • Monitoraggio delle attività
  • Monitoraggio del sonno
  • Registrazione dei cibi
  • Calorie bruciate
  • Idle Alert
  • Smart Alarm
  • Monitoraggio cardiaco
  • Tracciatura avanzata dell’attività di sonno e movimento

Prezzo medio 160 €

Garmin Vivosmart HR – Un modello tecnologico
  • Passi e distanza
  • Calorie e Timer
  • Obiettivi e Avvisi
  • Frequenza Cardiaca al polso
  • Data/Ora
  • Schermo Retroilluminato OLED Touch
  • Smart Notification
  • Avvisi a vibrazione
  • Impermeabile fino a 50mt
  • Calcolo dei piani saliti

Prezzo medio 130 €

Fitbit Charge HR – Design semplice ma con grandi funzionalità
  • Controllo del battito cardiaco continuo e automatico basato sul polso
  • Mostra le statistiche quotidiane, l’orario e le chiamate in arrivo
  • Registra le statistiche della corsa, i percorsi, i tempi intermedi e gli esercizi
  • Controlla la qualità del sonno e ti sveglia silenziosamente
  • Batteria ricaricabile con una durata di fino a 5 giorni
  • Include rilevatore, cavo di ricarica e chiavetta di sincronizzazione wireless

Prezzo medio 125 €

Misfit Flash – Essenziale ed economico
  • Activity Monitor
  • Contapassi
  • Contacalorie
  • Sport
  • Nuoto
  • Ciclismo
  • Calcio
  • Basket
  • Impermeabile

Prezzo medio 40 €