I due gadget tecnologici del momento

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

Siamo negli anni dei gadget tecnologici. A volte del tutto inutili altre volte fondamentali!

I più ambiti si collegano al nostro smartphone permettendoci di sfruttare ancor di più il principe dei gadget tecnologici.

Casse Bluetooth

Partiamo con la musica. Le scelta di casse Bluetooth è incredibilmente enorme. Passiamo dalle super economiche a quelle adatte ad ogni ambiente climatico, da quelle “giusto per sentire un po’ di musica” a quelle in alta fedeltà.

Alcuni esempi? Le Fugoo Sport resistenti all’acqua, SoundLink di Bose per un suono eccellente, JBL CHarge 2+ resistente all’acqua o Sony SRS-X11 compatto. Di modelli nella rete se ne trovano tanti. La scelta va fatta per caratteristiche:

  • durata delle batterie
  • ampiezza frequenze (bassi e alti)
  • potenza di uscita
  • resistenza a polvere o acqua, sono oggetti che li portiamo ovunque
  • tempo di ricarica
  • possibilità di utilizzo come vivavoce
  • terminale jack in ingresso (per mp3 non dotati di Bluetooth)

Smartwatch

Altro gadget richiestissimo è lo SmartWatch.

Dimensione, forma, colore e prezzo fanno la differenza.

I primi erano decisamente orribili. Grandi patacconi da indossare con “disinvoltura” ma sicuramente ingombranti e brutti.

Ora siamo alla generazione successiva dove possiamo trovare modelli compatti e dal design simil-orologio. I leader sono pochi: Apple, Samsung, Sony e Motorola sono, secondo noi, i marchi con i modelli più evoluti e indossabili.

Inutile sottolineare la durata delle batterie di questi orologi: va da una a circa cinque giornate. Ci dimentichiamo di ricaricarli e ci troviamo con l’orologio spento.

Tutti hanno come base di funzionamento l’estensione del nostro smartphone. Possibilità quindi di leggere messaggi, avviare chiamate, rispondere a chiamate senza guardare il display del nostro smartphone diventano attività utili. Siamo nel mezzo di una riunione e riceviamo un messaggio? Guardiamo con naturalezza il nostro orologio leggendo il messaggio senza farci notare.

Oppure siamo alla guida della nostra automobile con il telefono in tasca? Idem come sopra il nostro smartwatch ci avvisa sempre.

Caratteristiche da valutare? Poche, la differenza la fa il telefono. Per i possessori di Apple la scelta è unica per gli altri vediamo come comportarci.

  • design: ci deve piacere. Se compriamo un’orologio solo per il marchio sbagliamo. L’abbiamo al polso per tutto il giorno, quindi, ci deve piacere.
  • schermo. Deve essere leggibile, luminoso ed adattabile alla luce solare. Sufficientemente ampio e con una buona risoluzione. Mediamente un 300×300 ppi (pixel per pollice) è un’ottima risoluzione.
  • numero di tasti. Non troppi ma essenziali. Alcuni modelli hanno inventato la ghiera rotante per gestire le funzioni.
  • touch. Ovviamente. tenendo conto comunque della dimensione del nostro indice. Se per cliccare un messaggio copriamo completamente lo schermo dell’orologio, questo non fa per noi.
  • fitness. Molti hanno le funzioni fitness incluse. Ma se sei un malato di fitness ti consigliamo di orientarti sui fitness tracker
  • prezzo. Da non guardare. Questi oggetti non si scelgono per il prezzo. La fascia per la qualità è medio altra. Partiamo dai 300 € in su. Al di sotto c’è poco o niente.
  • app. Anche qui abbiamo le app. La scelta deve orientarsi sul numero di app disponibili e utilizzabili sul nostro orologio. Più ne installiamo e meno durerà la nostra batteria.

Vediamo qualche modello.

Apple Watch, Samsung Gear S2, Motorola 360 e Sony Smartwatch 3